Il miglior GPS del 2018: recensione e suggerimenti su come scegliere

Uno strumento indispensabile per mantenere l’orientamento, quando non si sa dove si è finiti o si voglia trovare un indirizzo sconosciuto, è il navigatore GPS. Grazie a esso è possibile guidare in tutta tranquillità e con la sicurezza di non perdersi per strada.

In base al vostro budget potrete stabilire se sia meglio acquistare un modello portatile, da montare dove volete e all’occorrenza, oppure uno integrato nella vostra auto, anche se da installare successivamente. Nella nostra guida potrete trovare alcuni validi suggerimenti su come individuare quello giusto per voi.

Il miglior GPS

Garmin Drive 40LM

TomTom Start 52 Europa 45

TomTom GO 520

Garmin Drive 40LM

TomTom Start 52 Europa 45

TomTom GO 520

Di base e conveniente

Fascia media

Per i più esigenti

PRO

Display touchscreen a doppio orientamento

Mappe incluse

Alloggiamento microSD

Mappe prevaricate

Aggiornamenti gratuiti a vita

Memoria espandibile

Aggiornamenti tramite Wi-Fi

Lettura messaggi e chiamate in vivavoce

Compatibile con Siri e Google Now

CONTRO

Durata batteria

Fragilità di alcune componenti

Caricamento lento

Touchscreen poco ricettivo

Comandi vocali poco ricettivi

Difficoltà nel riconoscere le strade

VALUTAZIONE

Un articolo dal costo competitivo, che vi fornirà le funzioni base per una navigazione in totale sicurezza

Questo prodotto ha il vantaggio di uno schermo più grande e funzionale e di una memoria che potrete ampliare a vostro piacimento

Un oggetto al’avanguardia, che potrà sostituire il vostro smartphone mentre guidate, per darvi ancora più sicurezza

VEDERE IL PREZZO

VEDERE IL PREZZO

VEDERE IL PREZZO

Recensione: Garmin Drive 40LM

Dimensione schermo: 4.3” | Risoluzione schermo: 480 x 272 pixels | Bluetooth: Sì | Supporto per schede di memoria: Sì | Peso: 144.6 grammi | Dimensioni: 7,6 x 1,9 x 12,2 cm

PRO:

  • Display touchscreen a doppio orientamento
  • Mappe incluse a scelta
  • Alloggiamento microSD

CONTRO:

  • Durata batteria
  • Fragilità componenti

Il GPS di Garmin vanta un prezzo conveniente, per cui è un oggetto alla portata davvero di tutte le tasche. Nonostante questo può contare su un display moderno, con un sistema touchscreen all’avanguardia, che vi farà recuperare tempo prezioso.

Potrete scegliere quali mappe includere nel pacchetto, a seconda della zona da visitare o del luogo in cui vi trovate. Gli aggiornamenti sono inoltre gratis e molto semplici da installare. Inoltre sono presenti diversi punti di interesse caricati precedentemente, che vi aiuteranno a capire dove fermarvi se avete bisogno di qualcosa.

La batteria è agli ioni di litio ma non pare durare abbastanza, tanto che è necessario avere sempre con sé il caricabatterie per non rimanerne sprovvisti.

Vedere il prezzo >>

Recensione: TomTom Start 52 Europa 45

Dimensione schermo:  5” | Risoluzione schermo: 480 x 272 pixels | Supporto per schede di memoria: Sì | Peso: 209 grammi | Dimensioni: 14,5 x 2,2 x 9 cm

PRO:

  • Mappe precaricate
  • Aggiornamenti gratuiti a vita
  • Memoria espandibile

CONTRO:

  • Caricamento lento
  • Touchscreen poco ricettivo

Questo modello di GPS di TomTom ha uno schermo più grande, per consentirvi di organizzare il vostro viaggio in maniera più semplice. Le indicazioni risultano essere buone e di facile comprensione, così da non perdere tempo su strade difficoltose.

Gli aggiornamenti saranno sempre gratuiti e potrete facilmente espandere la memoria grazie a una scheda SD, per la presenza dell’apposita slot. Utile la presenza del supporto integrato, come anche del caricabatterie per auto e del cavo Usb.

Pare però che il caricamento delle mappe sia abbastanza lento e che il touchscreen sia poco ricettivo, in quanto ha bisogno di una pressione elevata per recepire il comando.

Vedere il prezzo >>

Recensione: TomTom GO 520

Dimensione schermo:  5” | Risoluzione schermo: 480 x 282 pixels | Bluetooth: Sì |Supporto per schede di memoria: Sì | Peso: 399 grammi | Dimensioni: 3,4 x 3,4 x 3,4 cm

PRO:

  • Aggiornamenti via Wi-Fi
  • Lettura messaggi dallo smartphone
  • Chiamate in vivavoce
  • Compatibile con Siri e Google Now

CONTRO:

  • Comandi vocali poco ricettivi
  • Difficoltà nel riconoscere le strade

Se state cercando qualcosa in più, questo navigatore GPS di TomTom può garantirvi la connessione in Wi-Fi per aggiornamenti e altre funzionalità. È infatti compatibile con Siri e con Google Now, per cui potrete utilizzarlo tramite comandi vocali, anche se non appaiono del tutto adeguati.

Mentre viaggiate, potrete ascoltare gli SMS tramite la lettura del dispositivo e anche effettuare e ricevere chiamate in vivavoce. La presenza della compatibilità Bluetooth e la possibilità di espandere la memoria grazie a una micro SD, sono elementi in più che ne fanno un prodotto di qualità.

Tuttavia pare avere qualche difficoltà nel riconoscere le strade, per cui è necessario perdere un po’ di tempo in più per reperire il giusto percorso.

Vedere il prezzo >>

back to menu ↑

Come selezionare un GPS

 La collocazione

Una prima grande distinzione che è necessario fare quando si sceglie un GPS è quella di decidere se si vuole tenerlo stabilmente in auto o se si preferisce collocarlo di volta in volta su un mezzo differente. In base a questa esigenza, è possibile scegliere un navigatore integrato o da integrare e uno portatile.

La prima tipologia può essere installata in macchina in un momento successivo e non sempre si è in grado di farlo da soli. Per questa ragione valutate se il costo della manodopera non incida in maniera pesante sulla spesa complessiva. Il vantaggio sta però nel non dover avere fili penzolanti in giro, con il guadagno anche di una certa eleganza che non guasta mai.

Il modello portatile invece avrà bisogno di un supporto, a meno che non vogliate farlo reggere al vostro compagno di viaggio, e sicuramente dovrà essere ricaricato quando la batteria finisce. Potrete però collocarlo anche su altri mezzi o utilizzarlo a piedi se volete esplorare meglio una città che visitate.

La grandezza del display

I GPS in commercio hanno solitamente uno schermo compreso tra i 4 e i 6 pollici: anche se quello più grande vi garantisce una migliore visualizzazione delle strade, fate attenzione a non farlo diventare un ostacolo alla visuale, se lo collocate in un punto non strategico.

Se optate per un display anti riflesso potrete garantirvi ancora più sicurezza alla guida e se è touchscreen avrete un risparmio di forze per individuare un punto di interesse. Basterà infatti muovervi sopra le dita per avviarlo o impostarlo come desiderate.

Gli aggiornamenti

Molti dispositivi hanno le mappe già caricate e incluse nel prezzo. Tuttavia, con il passare del tempo, potrebbero esserci degli aggiornamenti riguardanti strade e percorsi, per cui dovrete adeguare quelle in possesso con le nuove.

Sul mercato potrete trovare diverse formule e selezionare quella più conveniente tra le seguenti:

  • Aggiornamenti gratuiti a vita
  • Aggiornamenti gratuiti per un periodo limitato

Il prezzo cambia a seconda di quello che scegliete ma valutate quale sarà il costo di tutti i successivi aggiornamenti, se non volete ritrovarvi con una grossa spesa in più.

Le mappe

Sono varie e possono essere divise per continenti o includerli tutti: naturalmente anche in questo caso il costo varierà e starà a voi decidere quali scegliere in base ai vostri spostamenti.

La batteria

È solitamente agli ioni di litio, per cui durevole dalle 2 alle 5 ore. Per precauzione è sempre importante portare con sé il caricabatterie, da collegare all’accendisigari dell’auto, che vi assicura di non rimanere senza proprio nel momento in cui ne avete maggiore necessità.

Il ricevitore RDS-TMC

Si tratta di un sistema indispensabile per chi non vuole rimanere imbottigliato nel traffico: vi segnalerà infatti eventuali blocchi o code in strada, oltre alla presenza di autovelox e anche di cambiamenti del clima. Può essere incluso nel navigatore, per cui non dovrete spendere un euro in più per poter usufruire di questo vantaggio.

Il supporto

A meno che non vogliate costringere il compagno di viaggio a tenere in mano il GPS, un supporto sarà di fondamentale importanza per assicurarvi una guida sicure. I modelli in commercio sono diversi: dalla staffa con ventosa, da collocare sul vetro, al supporto per il cruscotto. L’importante è che siano solidi e resistenti e che riescano a intrappolare il dispositivo in modo da non farlo cadere durante il tragitto.

 Qualche plus:

 Comandi vocali

Una funzione davvero utile è quella che vi consente di non usare il touchscreen mentre guidate, in modo da mantenere l’attenzione focalizzata sulla strada. Scegliete perciò un modello che supporti i comandi vocali, ovvero da comandare solo con la voce, indicando dove si vuole andare o ci si vuole fermare. Grazie all’innovazione tecnologica, in molti GPS è presente la lingua italiana, per cui non dovrete conoscere per forza l’inglese pur di servirvi di questa funzione.

Connessione wireless

Per questa opzione conviene spendere qualcosa in più, dati i grandi vantaggi che derivano dal suo uso. Grazie al Bluetooth, per esempio, è possibile collegare il GPS allo smartphone, per fare chiamate in vivavoce. Allo stesso modo, una funzione come la lettura vocale degli SMS non vi costringerà a fermarvi né a prendere il cellulare in mano, rischiando un incidente. Lo stesso vantaggio si ha se il modello scelto è in grado di visualizzare immagini o riprodurre la musica: in questo modo potrete comodamente ascoltare la radio senza bisogno di averla in macchina.

Punti di interesse

Memorizzarli sul supporto o anche sulla memoria integrata, quando è espandibile, aiuta a tenerne traccia per un momento successivo. Non solo luoghi storici, ma anche stazioni di servizio, ristoranti e parcheggi, per essere sempre certi di non fare errori quando si viaggia.